Anziani innamorati e raggirati

L’Italia è un paese che sta invecchiando sempre di più e, forse, bisogna anche considerare che si sta diffondendo una condizione di solitudine.

Le persone anziane spesso si trovano a vivere in casa da sole e la necessità di incontrare una compagnia può essere forte, tanto da accogliere anche gente senza scrupoli.

Quando un anziano conosce una giovane donna, e si instaura un rapporto confidenziale tra i due, succede che, nella maggior parte dei casi, l’anziano pensi che la donna sia veramente innamorata di lui.

Quando prestare attenzione

Invece non è sempre così e non lo è anzi nella maggioranza dei casi. A volte addirittura, l’anziano si rende conto che si tratta di una finta relazione amorosa, eppure preferisce la compagnia della donna piuttosto che vivere nella mancanza dei propri familiari.

Negli ultimi anni, il 70% delle nozze è destinato a fallire. Ecco perché, circa il 20% delle separazioni e delle cause in tribunale riguarda proprio persone con più di 65 anni.

Ogni anno, risultano ben 2500 procedimenti civili che riguardano anziani che hanno allacciato, o stanno per farlo, relazioni amorose con donne decisamente più giovani di loro. Il fatto da sottolineare è che tale dato sia presumibilmente lo stesso, per quanto riguarda le denunce di reato di circonvenzione di incapace e truffa, in sede penale.

Questi matrimoni rivelano un alto rischio di frode e raggiro per gli anziani. Spesso, la persona anziana cede di fronte alle richieste della finta innamorata, le quali sono principalmente di soldi.

Il raggiro avviene facendo credere all’anziano che si tratti di una somma per far studiare i figli, ad esempio. Oppure si adducono scuse tipo quella di dover affrontare una operazione costosa e di essere gravemente malata.

Altre volte invece l’innamorata ha chiesto denaro, per farsi restituire preziosi sottratti in casa. Varie e preoccupanti sono dunque le forme tramite le quali la persona anziana può subire un raggiro ed essere truffato, bisogna prestare attenzione.

Il fatto è che spesso si ha l’illusione di essere corrisposti, in un sentimento che invece è soltanto la scusa, per ricevere la fiducia dell’altra persona e spillarle soldi o addirittura l’eredità.

Alcuni servizi televisivi hanno raccontato la storia di anziani innamorati e raggirati. Tra le varie, vi è quella di un signore che non ha più i suoi risparmi perché li ha utilizzati per “liberare” la donna che lo aveva fatto innamorare telefonicamente.

Lei poi, ad un certo punto, si è dichiarata incastrata dalla sua stessa azienda, la quale ostacolava pure la loro apparente unione sentimentale. A quel punto, se l’uomo voleva aiutarla e liberarla dai ricatti dell’azienda, doveva tirar fuori ingenti somme di denaro.

Il tutto ovviamente era falso. Insomma, un inganno organizzato a puntino, da una intera squadra criminale, a danno di una persona anziana e sola, la quale era felice di poter ascoltare tutti i giorni la voce di una ragazza ed anche di aiutarla.

L’inganno poi è durato settimane, con contatti quotidiani, per mantenere sempre fiducioso il povero malcapitato. Al termine della storia, l’uomo è si è ritrovato senza soldi e senza quell’amore telefonico, ovviamente.

Indefinitiva, cerchiamo sempre di capire se la persona innamorata lo è davvero oppure se mira soltanto all’eredità. Nel caso chiediamo un parere ai nostri cari che, osservando la relazione dall’esterno, magari sono in grado di esprimere un opinione obiettiva.

Come difendersi

Se i sospetti sono marcati, possiamo anche rivolgerci alle forze dell’ordine per verificare di non essere nelle mani di qualche seduttore/seduttrice seriale.

E’anche possibile contattare l’ACTA (Associazione Contro le Truffe Affettive) a questo indirizzo:
https://acta704.wordpress.com

Precedente La ginnastica “dolce” per la terza età Successivo Gli anziani e la tecnologia