L’idratazione e la disidratazione negli anziani

La disidratazione è uno dei problemi comuni durante l’invecchiamento e con il trascorrere degli anni il “centro di controllo della sete” collocato nel cervello tende a perdere la sua funzionalità inducendo la persona a bere di meno.

Anche i reni perdono la loro capacità di risparmiare l’acqua eliminando urine più concentrate.

Se l’anziano soffre di malattia acuta con stati febbrili ė necessario assicurarsi che beva a sufficienza poiché con la disidratazione tende a calare la pressione arteriosa, possono verificarsi infezioni polmonari, può peggiorare la funzionalità dei reni con possibile blocco renale e si può verificare una sofferenza cerebrale anche di gravi condizioni.

È quindi indispensabile fornire all’organismo:

  • Un corretto apporto di liquidi (1 litro / 1 litro e mezzo al giorno)
  • Assumere frutta e verdura in discreta quantità
  • Aumentare i liquidi assunti in caso di febbre elevataIn presenza di vomito e diarrea si verificano ulteriori perdite di liquidi e possono comparire i segni della disidratazione (pelle e lingua asciutte, riduzione della diuresi giornaliera, sonnolenza).

Prestare attenzione alle persone che non sono in grado di assumere liquidi in autonomia. Se l’anziano non è più in grado di assumere liquidi per via orale occorre avvisare il medico affinché provveda alla somministrazione per via venosa.

 

Precedente La sana alimentazione nella terza età Successivo Video maltrattamenti casa di riposo